lunedì 5 dicembre 2011

Remade in Switzerland. Una collaborazione anglo-svizzera, per una collezione che parla di qualità durevole.


Remade in Switzerland. Una collaborazione anglo-svizzera, per una collezione che parla di qualità durevole. Il talento di un giovane designer inglese che pone la sostenibilità al centro di tutto ciò che crea. Poi, la qualità e l’heritage di un brand capace di creare l’originale “Swiss Army Knife“. Ecco il promettente background mix della linea Remade in Switzerland AW11 Capsule Collection di Christopher Ræburn, per Victorinox.

Lo stilista infatti, dopo aver fatto visita alla fabbrica-icona a Ibach, in Svizzera, elabora il suo concetto – personalissimo e innovativo – di moda durevole applicata a tessuti quantomeno inusuali. Per (ri)dare vita a otto creazioni distintive, in edizione numerata e limitata a soli cento pezzi, “built to last, the resulting garments constructed from re-appropriated Swiss military fabrics… a celebration of craft and a reaction to fast fashion”. Che sia una giacca, un cappello, una sciarpa oppure una borsa, il tutto viene sempre costruito dopo un accurato – davvero notevole è l’attenzione ai dettagli – riadattamento dei tessuti dismessi dall’esercito elvetico come sacchi a pelo, paracadute, coperte di lana. Una collaborazione sicuramente interessante e dalla qualità – qui l’influenza svizzera forse – impeccabilmente puntuale.









Nessun commento: